Guida photoshop

Uno dei tanti programmi per modificare foto e sicuramente il più noto è Photoshop della Adobe e indipendentemente dalla versione ha un’interfaccia poco intuitiva che non lo rende adatto a chi è alle prime armi e non è anormale avviandolo per la prima volta di riconoscere solo la chiudi per chiudere la finestra. A questo punto uno si scoraggia e lascia perdere tutto, anche perché le guide online non fanno per te poiché sono troppo complicate, con termini sconosciuti che non hai alcuna voglia di imparare, tu volevi solo ritoccare quella foto dove ti si vedeva il brufolo uscito la notte precedente. Bene, questa sezione del blog ha come obiettivo far apprendere le basi di photoshop ma non garantisce nulla per i risultati: ci vuole impegno, determinazione e tanta tanta passione per risultati discreti perché può sembrarti solo un programma ma in realtà è un insieme di strumenti nelle tue mani che può essere perfettamente paragonato ad un pennello nelle mani di un pittore, è arte. Ora basta chiacchiere e mettiamoci a lavoro!

Questa è l’interfaccia utente di Adobe Photoshop cc Portable e anche se avete versioni precedenti non avrete problemi a prendere confidenza con la vostra.
62twkSu “File”  abbiamo varie opzioni: con “Nuovo” possiamo creare un foglio da lavoro che potrà essere bianco, colorato o trasparente e della misura che vogliamo ma questo lo vedremo meglio dopo, con “Apri” possiamo lavorare su una foto o su un altro progetto e gli altri comandi sono abbastanza intuitivi e se ancora non lo sono lo saranno, promesso.

Immagine Mentre cliccando “Modifica” troviamo il comando “Annulla” per annullare l’azione appena fatta, taglia, copia, incolla, ma soprattutto “Trasforma” ovvero puoi trasformare un oggetto su un foglio di lavoro inclinandolo, ruotandolo, ecc ma non si può modificare il foglio di lavoro con “trasforma” poichè il livello è bloccato. Ma cos’è un livello?Immagine

Lo so non volevi imparare termini strani ma questo ti permette di non sclerare quando all’improvviso i tuoi oggetti scompaiono e non sai dove sono finiti perchè semplicemente si sta lavorando su un livello sbagliato.Si crea un nuovo livello ogni volta che si inserisce una nuova immagine e questo ti permette di poter lavorare su ogni oggetto separatamente, questo sembra difficile ma in realtà non appena  inizierai a fare un po’ di pratica i livelli li sentirai familiari come gli strati della tua pelle 🙂 (si, ho appena rovinato quella finta atmosfera di professionalità con uno smile). Il lucchetto evidenziato nella immagine sotto blocca il livello “sfondo” non permettendo di modificarlo con “trasforma”.

Immagine

Nella barra superiore il menù “livello” presenta tutte le opzioni per modificare un livello eliminandolo, duplicandolo o unendolo con un altro, inoltre si può creare una maschera di livello una cosa che spiegherò più avanti.

Immagine

Il menù “testo” invece permette di cambiare font del testo, l’orientamento e altre caratteristiche  che vedremo in seguito in articoli appositi.

Immagine

Ora passiamo agli strumenti di lavoro, dei quali non  vedevi l’ora di leggere e probabilmente hai saltato le parti noiose precedenti perchè le avevi già intuite da solo. Allora, prima di tutto non sono facilissimi da utilizzare e dovrai capire bene quando utilizzarli, ma non appena avrai un po’ di praticità scoprirai che sono mezzi preziosi con il quale potrai esprimere tutto il tuo folle genio artistico. Con il primo strumento a forma di puntatore di mouse si possono spostare gli oggetti, con il secondo a forma di rettangolo tratteggiato si possono selezionare aree di varie forme e cliccando in modo prolungato lo strumento compaiono le varie forme di selezione, il lazo invece, ovvero lo strumento evidenziato in rosso permette una selezione manuale delle aree e questo implica precisione, la bacchetta magica evidenziata in azzurro invece fa una selezione in base ai colori dell’immagine e ogni tipo di selezione ha un suo perché e questo dipende da cosa si vuole fare. Successivamente farò vedere esempi di utilizzo di ciascun strumento. Quello evidenziato in verde serve per ritagliare l’immagine, quello rosa rileva il colore di un determinato punto semplicemente cliccandoci,  lo strumento evidenziato in giallo o timbro copia l’immagine ed è possibile usare il timbro per ricreare una determinata zona in un determinato punto di ancoraggio e questo permette di ricostruire una intera area dell’immagine in un altro posto di essa, il secchiello evidenziato in viola permette di colorare intere aree delimitate, lo strumento in blu sfoca o contrasta una determinata zona e se si clicca prolungatamente  compare lo strumento sfumino che puó essere utilizzato come un pennello da sfumatura. Lo strumento in arancione permette di schermare,bruciare, cambiare saturazione ad una determinata area del figlio, lo strumento in bianco permette di creare i tracciati una delle cose più importanti di photoshop e forse tra le più complicate da comprendere, l’ultimo strumento che ci interessa è quello evidenziato in marrone che permette di creare forme.

Immagine

Dopo questa grossolana presentazione degli elementi fondamentali di photoshop, nei prossimi articoli tratteró vari esempi che mettono in risalto l’uso di determinati strumenti in modo da fare più pratica possibile! Così non appena avrai preso confidenza con questo inquietante (e pesante :O ) programma potrai manipolarlo a tuo piacimento! Come presto scoprirai non serve solo per i foto ritocchi ;))

Alla prossima ragazzi 🙂

~Cri


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...